Robert Capa. L’Opera 1932-1954 a Palazzo Roverella di Rovigo

ITALY. Near Troina. August 4-5, 1943. Sicilian peasant telling an American officer which way the Germans had gone. ©Robert Capa © International Center of Photography / Magnum Photos

ITALY. Near Troina. August 4-5, 1943. Sicilian peasant telling an American officer which way the Germans had gone. ©Robert Capa © International Center of Photography / Magnum Photos

Dall’8 ottobre 2022 al 29 gennaio 2023 Palazzo Roverella di Rovigo ospita “Robert Capa. L’Opera 1932 – 1954”. La mostra, curata da Gabriel Bauret, rappresenta il nuovo appuntamento con la fotografia internazionale presentato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, ancora una volta insieme al Comune di Rovigo, e dall’Accademia dei Concordi.

I ben 366 scatti presenti sono stati selezionati dagli archivi dell’agenzia Magnum Photos e ripercorrono le maggiori tappe della carriera di Capa, dando la giusta importanza ad alcune delle opere più iconiche che hanno rappresentato la storia della fotografia del Novecento.

L’esposizione, che si articola nelle nove sezioni tematiche e non è pensata solo come una retrospettiva dell’opera di Robert Capa, ma, e soprattutto, si pone l’obiettivo di rivelare ai visitatori le sfaccettature e i punti di vista di un personaggio passionale e sfuggente, e forse mai pienamente appagato, che non esita a rischiare la vita per i suoi reportage.
– Fotografie degli esordi, 1932 – 1935
– La speranza di una società più giusta, 1936
– Spagna: l’impegno civile, 1936 – 1939
– La Cina sotto il fuoco del Giappone, 1938
– A fianco dei soldati americani, 1943 – 1945
– Verso una pace ritrovata, 1944 – 1954
– Viaggi a est, 1947 – 1948
– Israele terra promessa, 1948 – 1950
– Ritorno in Asia: una guerra che non è la sua, 1954

FRANCE. Brittany. Pleybon. July 1939. A crowd gathered in front of Mr. Pierre Cloarec's bicycle shop. The owner of the shop is racing in the Tour de France. ©Robert Capa © International Center of Photography / Magnum Photos

FRANCE. Brittany. Pleybon. July 1939. A crowd gathered in front of Mr. Pierre Cloarec’s bicycle shop. The owner of the shop is racing in the Tour de France. ©Robert Capa © International Center of Photography / Magnum Photos

Negli scatti esposti a Palazzo Roverella non sono rappresentate però solo le scene di guerra e di conflitto per le quali Capa è diventato famoso, bensì anche una serie di immagini dalle quali emergono l’attenzione e la sensibilità dell’ Uomo e non solo del Fotografo, nei confronti di tutte le vittime e i diseredati, siano essi soldati che civili.

All’interno di questo percorso espositivo, oltre alle fotografie, il pubblico può anche osservare le pubblicazioni dei reportage di Capa sulla stampa francese e americana dell’epoca e alcuni estratti di suoi testi sulla fotografia relativi a vari argomenti tra cui la sfocatura, la distanza, il mestiere, l’impegno politico e la guerra. Sono infine disponibili anche alcune scene tratte da un film di Patrick Jeudy sull’artista in cui John G. Morris commenta con emozione documenti che mostrano il fotoreporter in azione sul campo e la registrazione sonora di un’intervista dell’artista a Radio Canada.

Oltre dell’esposizione a Palazzo Roverella, gli amanti dell’artista e della fotografia in generale, potranno godere anche di un’ulteriore opportunità: il Mudec di Milano, infatti, a 110 anni dalla sua nascita, omaggia il grande fotografo ungherese con una mostra in programma dall’11 novembre 2022 al 19 marzo 2023.

“Robert Capa. L’Opera 1932-1954”
dall’8 ottobre 2022 al 29 gennaio 2023
Palazzo Roverella
Via Giuseppe Laurenti 8/10 – Rovigo
www.palazzoroverella.com



Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *