XXXIV edizione del Salone Internazionale del Libro

XXXIV Salone Internazionale del Libro di Torino

Si è chiusa oggi la XXXIV edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino, dal titolo “Cuori selvaggi”, tenutasi (a causa della pandemia) a soli sette mesi dall’edizione precedente.

Tornato nella sua collocazione classica, nel mese di maggio, il Salone del Libro ha ancora una volta ottenuto un grande successo e battuto ogni record diventando il più grande di sempre.

Nella conferenza stampa di chiusura nella Sala Oro dell’Oval, hanno espresso la loro soddisfazione: Silvio Viale, Presidente dell’Associazione Torino, La Città del Libro; Giulio Biino, Presidente della Fondazione Circolo dei lettori; Rosanna Purchia, Assessore alla Cultura della Città di Torino; Piero Crocenzi, Amministratore delegato di Salone Libro s.r.l.; Nicola Lagioia, Direttore editoriale del Salone Internazionale del Libro di Torino.

168.000 i visitatori per padiglioni 1, 2, 3 e Oval del centro polifunzionale Lingotto e il Centro Congressi ma anche degli ampi spazi esterni.

1000 le persone coinvolte lavorativamente – tra staff e organizzazione, inclusi allestitori e fornitori.

1000 le piante dello spettacolare Bosco degli Scrittori.

60.000 gli scatti realizzati dal team fotografico, 4000 pagine di rassegna stampa, 450 passaggi radiotelevisivi.

4000 giornalisti e blogger accreditati con un incremento del58,57% in più per la stampa e del 100,61% per i blogger rispetto ad ottobre.

1466 gli eventi ospitati nelle 50 sale della Fiera distibuita tra i padiglioni del Lingotto Fiere e l’Oval.

Novità di quest’anno la presenza, con una programmazione dedicata al racconto delle giornate, dei volti e delle voci delle persone che hanno partecipato è di TikTok e il Salone Off che ha portato la cultura nelle circoscrizioni torinesi, nell’area metropolitana e sul territorio regionale con oltre 450 incontri in 180 location di natura diversa coinvolgendo 27 comuni oltre a Torino.

Salone del Libro 2022 Boscvo degli scrittori

Tra tanti successi uno davvero straordinario: il Bosco degli Scrittori di Aboca, nel padiglione Oval, dove si sono gli incontri del Salone dedicati alla natura, alla sostenibilità e all’ambiente. Le sue 1000 piante hanno portato una straordinaria ventata di aria fresca e di profumi della natura davvero impensabili. Nel bosco sono nati spontaneamente i funghi, gli uccelli hanno tentato di nidificare e sono arrivate farfalle e insetti impollinatori. Un luogo meraviglioso.

Il Salone Internazionale del Libro di Torino 2022 è un progetto di Associazione Torino, la Città del Libro e Fondazione Circolo dei lettori, con il sostegno di Regione Piemonte, Città di Torino, Fondazione Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT, Associazione delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte, Camera di commercio industria artigianato e agricoltura di Torino, e di Centro per il libro e la lettura – MiC, Ministero della Cultura, MAECI Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale, Italian Trade Agency ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, Ministero dell’Istruzione, Ministero dell’Università e della Ricerca, Fondazione con il Sud e Fondazione Sicilia.

La trentacinquesima edizione è in programma, sempre a Torino tra il 18 e il 22 maggio 2023.

www.salonelibro.itwww.saltopiu.salonelibro.it



Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *